ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggi e vacanze

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Colorno - Parma

Colorno si trova a pochi chilometri da Parma ed è famosa per la sua Reggia, paragonata a quella di Versailles per le sue somiglianze con il monumento alle porte di Parigi.

a cura di: Stefania Gonzales

È chiamata la Versailles padana per le somiglianze che ha con la reggia del Re Sole alle porte di Parigi. Quella nostrana si trova a Colorno, a 10 chilometri da Parma.
La Reggia di Colorno è una sintesi di storie e di stili che rimandano ai signori che l'abitarono nei secoli e agli artisti che ne disegnarono, costruirono, decorarono gli ambienti. Il porticato lungo il lato dell'edificio affacciato sul torrente Parma è stato costruito sul finire del 1600 dal Bibiena. Mentre sulla facciata opposta, lo scalone che porta al giardino, è stato progettato da Petitot nella metà del Settecento. Come anche la Cappella Ducale di San Liborio, ordinata dal duca Ferdinando di Borbone. E ancora, le sale di rappresentanza del piano nobile sono decorate con gli stucchi di Antonio Boudard, mentre il pavimento in marmo policromo è realizzato su disegni della scuola di Petitot. Due salottini tappezzati con carte dai disegni esotici rimandano invece al gusto per le cineserie di Luisa Elisabetta, moglie di Filippo di Borbone.

Come molti altre residenze italiani, anche questa di Colorno nasce come Rocca: a trasformarla in palazzo nobiliare è Barbara Sanseverino, che, tra il Cinquecento e il Seicento, la arricchisce di opere d'arte (di Tiziano, Correggio, Mantegna e Raffaello) e la anima con una raffinata vita di corte. Le succedono (per dire il vero non in modo incruento) i Farnese con Ranuccio I e poi con Francesco che dà all'architetto Ferdinando Galli Bibiena ampia libertà d'azione con l'obiettivo di farla diventare una Reggia, alla maniera di Versailles. Sorgono allora (nel '700) le torri allungate e la Gran Sala delle feste e il giardino inizia ad assumere importanza: si costruiscono fontane e una speciale macchina idraulica nella Torre delle Acque per alimentare le fontane e gli automi della Grotta Incantata.

Ai Farnese succedono i Borbone, con don Carlos e il duca Filippo (1749) e comincia una nuova epoca di fasti, illustri ospiti e restauri al Palazzo e al giardino. Che portano quasi tutti la firma di Ennemond Alexandre Petitot, nominato architetto delle fabbriche ducali. Con Napoleone, il Palazzo viene dichiarato residenza imperiale, e dopo il Congresso di Vienna, è assegnato a Maria Luigia d'Austria, moglie dell'imperatore francese che fece ridisegnare i confini del nuovo giardino "romantico" non schematizzato, ma secondo natura. E fu proprio lei a scoprire, a qualche chilometro da Colorno, le acque di Tabiano e a fondare le omonime Terme.

Come arrivare

Raggiungete la Reggia Ducale di Colorno con la A1, uscita Parma Nord e SS 343 Asolana.

Dove mangiare

Al Vedel (via Vedole, 68 - Vedole di Colorno, tel. 0521.816.169). Un po' prima di Colorno, sulla statale 349, sulla sinistra c'è l'indicazione per Vedole che raggiungete attraverso una strada dissestata. Il Vedel è molto famoso per la buona cucina alla maniera di Parma e il servizio cordiale.

Dove dormire

Il Borgo (via Riboli, 4, Colorno, tel. 0521.312.320), tre stelle a 50 metri dalla Reggia.

29/7/2002

30/9/2010

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza di viaggio, arricchisci la pagina con le tue idee per una vacanza coi figli.

Questo articolo ti è stato utile?

Iscriviti gratis alla nostra newsletter BIMBINVIAGGIO: riceverai idee e proposte per viaggie e gite per te e il tuo bambino. E sarai aggiornata su tutti gli articoli in pubblicazione su MAMMAePAPA'. Iscriviti ora gratis!

Altro su: "Colorno - Parma"

Positano
Positano è una delle più note località della Costiera amalfitana. In inverno è perfetta per shopping e weekend culinari mentre in estate è meta di bagni.
Dozza
Dozza, a 25 chilometri da Bologna, è un borgo dove si respira aria di Medio Evo nelle case, nelle strade lastricate e nel castello.
Otranto
Otranto è famosa per i suoi lidi e il suo mare, ma è anche una bellissima città.

E' un progetto

viaggi in citt�, citt� d'arte, citt� a misura di bambino

Zoom caratteri   A   |   A   |   A

Ultimi articoli in pubblicazione

Biennale di Architettura 2016 eventi per bambini
Fino al 27 novembre, in occasione della Biennale di Architettura di Venezia, un ricco programma di attività per i bambini.
Duomo a 5 sensi... + 1, visite guidate
Tutti i bambini, dai 5 ai 12 anni, potranno visitare l'esposizione sensoriale “5 sensi… + 1” del Duomo di Milano.
Safari notturni al Bioparco di Roma
A luglio, ogni venerdì sera, al Bioparco di Roma, Immersi nella magica atmosfera della notte, si partirà per un’avvincente visita guidata notturna.
Sedativi per un lungo viaggio in aereo
Se il bambino non si addormenta in viaggio in aereo, in via preventiva è possibile dare un antistaminico.