Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Mondello, ancora agli inizi del Novecento non esisteva, o meglio era una palude malsana che solo la lungimiranza di un nobile palermitano trasformò nell'attuale spiaggia. Fino ad allora, dunque, al posto di baretti, pizzerie, bagni e via dicendo, c'era solo il borgo di pescatori e una tonnara molto attiva.

Oggi il fascino di questo paesetto marino vive in ciò che rimane dell'antico borgo, vale a dire il porticciolo e qualche barca da pesca. Della tonnara resistono, invece, la torre (prima metà del Cinquecento) e parti degli edifici che formavano il malfaraggio (il deposito delle barche lunghe), gli attrezzi da pesca e i magazzini del taglio e dell'inscatolamento del pesce.
 
Ma Mondello non finisce qui, ci sono tante cose da vedere.
Vi diamo di seguito qualche indicazione, ma per maggiori idee di viaggio, vi rimandiamo al sito www.mondellolido.it, molto curato e dettagliato.
 
Partiamo intanto dal sistema di torri, che, sin dal XV secolo, era il canale di comunicazione tra i paesi di Mondello, Partanna e Sferracavallo, ma aveva anche una funzione di avvistamento e difesa dai pirati. Proponendo ai bambini proprio di giocare ai pirati, dopo quella della tonnara potete andare a vedere (si raggiunge attraverso un sentiero nel verde) la torre detta del Fico d'India, piccola ma ben restaurata. Se, invece, preferite qualcosa di molto più antico, eccovi serviti con le grotte della Marinella. Dei sei antri, dove sono state individuate numerose testimonianze preistoriche, la più importante è la grotta detta della Regina. Nell'antichità doveva essere un santuario fenicio-punico (in realtà, l'unico attestato sino ad ora nell'area mediterranea): lo dimostrano un centinaio di iscrizioni e raffigurazioni su tutte le pareti.
Se infine vi va di andar per case, fatevi un giro tra le strade di Mondello, Valdesi, Partanna e Martini: vi imbatterete in una lunga serie di villini in stile Liberty, perfetto aperitivo prima di gustare l'esplosione dell'Art Nouveau che è la città di Palermo. 

Come andare. Autostrada A/29 Palermo-Punta Raisi direzione Palermo, uscita Capaci. Oppure ss/113 direzione Palermo. Dopo Sferracavallo, segnaletica per Mondello.

Altro su: "Mondello"

Istituto Cervantes di Palermo
I laboratori per bambini dell'istituto Cervantes di Palermo alla scoperta del movimento, del ritmo, dell'arte, del riciclo e del teatro.
Sferracavallo
Il borgo di Sferracavallo offre molte spiagge adatte per tutta la famiglia, spiagge bagnate da un mare cristallino semplicemente bellissimo.
Sicilia
La Sicilia ha subito varie dominazioni a cominciare da quella greca che interessò la Sicilia orientale a partire dall'ottavo secolo A.C.
Portoferraio
Portoferraio non offre solo spiagge attrezzate ideali per tutta la famiglia, ma anche luoghi storici e musei ideali anche per i bambini.
Terracina (Lt)
Terracina non è solo mare ma anche storia e cultura. Passeggiate con i bambini per il centro storico del paese alla scoperta dei molti resti archeologici.
Magna Calabria
La Calabria è una delle regioni più antiche d'Italia una terra dalle mille sfumature.