Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Tutti conoscono Prato per i suoi tessuti. La vocazione tessile pratese ha origini medievali, ma è nell'Ottocento che la cittadina viene considerata il più importante polo industriale dell'Italia centro-meridionale. L'evento determinante per lo sviluppo industriale pratese si verificò alla metà dell'Ottocento quando si iniziò a utilizzare il procedimento di rigenerazione dei ritagli di tessuti di sartoria, delle maglie e degli indumenti usati. Il materiale, proveniente da tutto il mondo, veniva selezionato e trasformato nella cosiddetta lana rigenerata con la quale si produceva, miscelandola con lana vergine, tessuti cardati a prezzi competitivi. Negli anni Sessanta, l'industria tessile pratese si rinnova con macchinari e tecnologie moderne per rispondere alle necessità di un mercato più esigente. L'impiego di materie prime rigenerate si riduce preferendo materiali qualitativamente superiori provenienti dal recupero di ritagli nuovi di stoffe e maglierie. Parallelamente si verifica una diversificazione produttiva verso articoli di alta qualità e fibre pregiate (lane vergini, cachemire, seta, lino, cotone, viscosa, microfibre). 
Se avete tempo, da vedere è il Museo del Tessuto di Prato, l'unico in Italia dedicato interamente all'arte e alla tecnologia tessile. Nato nel 1975 con una donazione di Loriano Bertini, si è ampliato fino a raggiungere 6mila campioni di tessuti provenienti da tutto il mondo e databili dal V secolo d.C. a oggi. Il percorso museale comprende frammenti di tessuti antichi o confezioni per uso laico, religioso e per arredamento e una sezione dedicata al tessile contemporaneo. Inoltre, ci sono macchinari e strumenti di preparazione alla tessitura di manifatture italiane e una sezione dedicata alla chimica-tintoria dalla fine dell'Ottocento alla prima metà del Novecento. Percorsi multimediali per ragazzi e adulti guidano nell'approfondimento di alcune tematiche legate alla moda e alla vicende produttive locali. Potete associare la visita del museo a quella di nuclei monumentali, museali o produttivi della città nell'ambito di itinerari sulla produzione tessile pratese, o allo shopping nelle fabbriche di tessuti, maglieria e accessori.

Notizie utili

Museo del Tessuto piazza del Comune, Prato. Telefono: 0574.611503. E-mail: info@museodeltessuto.it. Orario: da lunedi a venerdi 10.00-18.00; sabato 10.00-14.00; domenica 16-19; martedì chiuso. Vi consigliamo di visitare: www.prato.turismo.toscana.it.

Come andare

Arrivate a Prato con l'Autostrada del Sole A/1, uscita Prato-Calenzano o con la Firenze-Mare (A/11), Prato Est o Ovest.

Altro su: "Prato"

Parco Costiero della Sterpaia
Il Parco Costiero della Sterpaia a Piombino è ricco di alberi antichi, di percorsi artistici e poetici e di spiagge per far rilassare i bambini.
La grotta del vento di Vergemoli
In provincia di Lucca, visitate la grotta del vento di Vergemoli per vedere stalattiti, stalagmiti e corsi d'acqua sotterranei.
L'Orto Botanico Forestale dell'Abetone
Visitate con i bambini l'Orto Botanico Forestale dell'Abetone, in provincia di Pistoia, alla scoperta di oltre 300 diverse specie di piante.
La fortezza Orsini di Sorano
In provincia di Grosseto, visitate Sorano alla scoperta del medioevo e del rinascimento.
Chiusi
Una gita a Chiusi per visitare labirinti sotterranei, mausolei e leggende per una gita ricca di misteri.
Coloriamo i cieli
"Coloriamo i cieli" avrà luogo dal 30 aprile al 4 maggio, sul Lago Trasimeno.